2015, un anno col botto del rimborso.

Nel 2015 l’Italia ha titoli di stato obbligazionari a medio/lungo termine in scadenza per 199 miliardi, cui si aggiungono titoli a breve (BOT) per 60 miliardi, portando il totale delle nuove emissioni a 260 miliardi di euro circa, il 12% del debito attuale (2.160 miliardi di euro, circa); per i BTP in scadenza si tratta di una cifra-record: 140,3 miliardi; primo appuntamento, il 1 febbraio quando andranno al rimborso BTP per 21 miliardi (emessi al 4,25%). Il Tesoro avrà un compito non facile nel 2015, dovendo emettere 260 miliardi di euro di titoli di stato facendo anche fronte al previsto “deficit” di cassa di 55 miliardi, e negli anni successivi, con previsioni di rimborsi di 160 miliardi nel 2016, 167 miliardi nel 2017; impegno che potrebbe crescere se ci fosse la richiesta di finanziamento pro-quota del c.d. “piano-Juncker”. L’Italia continuerà ad essere la prima in classifica dei paesi europei emittenti debito pubblico; unico “palliativo”, il livello attuale (anche futuro?..) dei tassi, che hanno consentito all’ultima emissione di spuntare l’1,35% come costo della raccolta.

 Come dire? Ci si accontenta di poco.

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *