D3.0 – Articolo 3 – L’Italia

Articolo 3 – L’Italia

  • L’Italia è il territorio italiano
  • L’Italia è suddivisa in parti che sono di proprietà delle Società e dei Cittadini, italiani e non italiani.
  • L’Italia, in tutte le sue parti, è amministrata dai rispettivi proprietari nel rispetto delle leggi che discendono dalla Costituzione della Repubblica Italiana.

——000000——

Commentario

L’enfasi linguistica dell’attuale Costituzione induce qualche potenziale misinterpretazione. Per esempio l’Articolo 1 dell’attuale Costituzione (L’Italia è una Repubblica fondata ..) non è particolaremente diretto, linerare, inequivoco. Preferiamo la chiarezza non ambigua e adottiamo il principio secondo il quale l’Italia è il nome con il quale universalmente viene designato il territorio italiano.

Sono i confini in 3D del territorio (inclusi sottosuolo, mari e cieli) che delimitano, facendoli coincidere,  il dominio, l’ambito fisico, la giurisdizione entro i quali valgono le leggi italiane e prima fra tutte la Costituzione.

I singoli Cittadini e Società, italiani e non italiani, sono proprietari di frazioni del territorio italiano. Ad alcune Società di attribuisce l’aggettivo “pubblico” per ragioni storiche, sempre meno corrispondeni all’iniziale criterio territoriale secondo il quale esse erano di proprietà di un singolo prìncipe. Nel tempo le grandi proprietà territoriali sono passate ai Cittadini residenti in certe aree continue chiamate Comuni, Regioni, Stato, Parchi e in altro modo.  Ora è sempre meno distinguibile la natura pubblica o privata delle Società.

Il frazionamento della proprietà del territorio italiano non implica affatto il frazionamento della giurisdizione che rimane unitaria anche accadesse, nel caso estremo, che la maggior parte del territorio fosse di proprietà di Cittadini e Società non italiani.

Esistono molte forme di società come l’antica famiglia, le più recenti e più diversificate unioni civili, le società collettive territoriali come i Comuni o lo Stato, le società di impresa, le società civiche, le società sovranazionali o internazionali.