#Prezzo è la parola ambigua di oggi

Difficile trovare una sufficientemente condivisa definizione di “prezzo”. Forse l’unica che regge è la triangolazione: il prezzo è il rapporto di valore, misurato in denaro, fra due merci, al momento dello scambio. Ma siccome non sappiamo bene cosa sia il valore e cosa sia il denaro, non possiamo che barcamenarci fra le varie tesi che gli economisti ci propongono. Tenendo presente che non sappiamo esattamente che cosa sono gli economisti, che cosa studiano, per chi studiano, cosa producono. Gli economisti non si offendano, il problema è di ignoranza dei cittadini. Questo è un’invito a spiegare, rivolto agli economisti.
Read more

#Banditi, #Sprovveduti, #Stupidi e #Intelligenti sono le parole ambigue del giorno

“Allegro, ma non troppo”, Ed. Mulino, dello Storico dell’Economia Carlo Cipolla, è un libello di inestimabile valore etico . In poche pagine riassume almeno metà del poderoso testo “Una teoria della giustizia” di J.Rawls.

Con illuminante semplicità Cipolla distilla due fattori essenziali per classificare i comportamenti umani, sociali ed economici:

  • X – Danni o vantaggi che l’individuo procura a se stesso
  • Y – Danni o vantaggi che l’individuo procura agli altrigrafstupid1

 

  • I Banditi (in basso a destra): adottano comportamenti che danneggiano gli altri per trarne vantaggio
  • Gli Sprovveduti (in alto a sinistra): adottano comportamenti che danneggiano sè stessi e avvantaggiano gli altri
  • Gli Stupidi (in basso a sinistra): adottano comportamenti che danneggiano gli altri e se stessi
  • Gli Intelligenti (in alto a destra): adottano comportamenti per il proprio vantaggio e quello degli altri.

Una volta individuata la collocazione, nel quadrante più appropriato, della persona, o dell’associazione, con la quale vogliamo interagire inclusi noi stessi, ad essa si applicano le fondamentali leggi relazionali:

  • Prima Legge Fondamentale: Sempre e inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero di individui stupidi in circolazione. (1) (n.d.r. per statistica è probabile che noi possiamo essere fra questi)
  • Seconda Legge Fondamentale: La probabilità che una certa persona sia stupida è indipendente da qualsiasi altra caratteristica della persona stessa. (2)
  • Terza (ed aurea) Legge Fondamentale: Una persona stupida è una persona che causa un danno ad un’altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé od addirittura subendo una perdita.
  • Quarta Legge Fondamentale: Le persone non stupide sottovalutano sempre il potenziale nocivo delle persone stupide. In particolare i non stupidi dimenticano costantemente che in qualsiasi momento e luogo, ed in qualunque circostanza, trattare e/o associarsi con individui stupidi si dimostra infallibilmente un costosissimo errore. (3)
  • Quinta Legge Fondamentale: La persona stupida è il tipo di persona più pericoloso che esista. Corollario: Lo stupido è più pericoloso del bandito.

Note del redattore:
(1) per statistica è probabile che noi possiamo essere fra questi
(2) per esempio, non è detto che gli stupidi appartengano tutti alla categoria de “gli altri”
(3) in questa legge Cipolla ha mimetizzato il principio secondo il quale chi si autocolloca fra i “non stupidi” inevitabilmente sta fra gli stupidi. Infatti, secondo l’assioma di Forrest Gump (stupido è chi lo stupido fa), l’unico metodo per non essere stupido è produrre qualche risultato utile a qualcuno.

#Stato è la parola ambigua di oggi – Lo Stato (non) siamo noi

Chi può dubitare della necessità di conoscere la storia dell’umanità, in tutte le discipline che la analizzano (storia, arte, filosofia, antropologia, economia, ecc)? Vi sono parole e frasi che hanno avuto un ruolo energico nel rappresentare il cambiamento contro lo status quo. Read more

#Proprietà privata e pubblica

Di tanto in tanto emerge la contrapposizione dialettico-ideologica fra proprietà privata e pubblica. Deve essere un fenomeno antropologico un p0′ manicheo (o questo o quello, nulla in mezzo) e un po’ di appartenenza (è la società che possiede me o sono io che possiedo una quota della società). Read more

Breaking News: la Democrazia dei Pari guadagna terreno sui Capisti

Dopo alcuni millenni di teorizzazioni e tentativi prototipali, è in corso un bisecolare esperimento di democrazia applicata. Come sempre vi sono i contrari (i Capisti) e gli entusiasti (i Pari). Entrambi circondati dai più che stanno a guardare.

I Capisti, che appunto sono guidati da un capo comanda, da sempre adottano comportamenti “verticali”. Ovviamente non guardano orizzontalmente verso i Pari, preferiscono guardare verso l’alto per ascoltare gli ordini del capo, cercano di sfuggirli o li eseguono spesso di malavoglia e col mugugno, ma specialmente chiedono al capo privilegi, benefici familistici, trattamenti particolari in cambio del loro sostegno. Lo scambio funziona bene e garantisce stabilità. Almeno fino a quando il capo non è più in grado di compensare abbastanza la fedeltà dei Capisti; in quel caso viene fatto fuori senza tanti complimenti, spesso sanguinosamente. Read more