Il cemento di 20 anni fa.

Il consumo di cemento in Italia è tornato ai livelli del 1961: 20 milioni di tonnellate, una caduta vertiginosa dai 46,9 milioni di tonnellate del 2006, quando è iniziata una decrescita impressionante, un – 57%. Nel frattempo la filiera del cemento ha perso 800 imprese, 16.000 addetti.

“Le opere pubbliche sono frenate dai vincoli di bilancio, mentre l’edilizia residenziale è crollata per la discesa del potere d’acquisto delle famiglie”, con il crollo delle nuove abitazioni a 50.000 nel 2014, contro le 250.000 del periodo pre-crisi.

In questi anni, sono stati fatti ingenti investimenti per migliorare efficienza e rispetto dell’ambiente: “Si tratta di interventi costosi, realizzati in occasione dei rinnovi degli impianti, con l’effetto di ridurre a doppia cifra numerose categorie di emissioni.

L’altro filone di sviluppo è tecnologico, per proporre al mercato prodotti innovativi come il cemento trasparente, oppure “mangia”-smog o più efficiente dal punto di vista energetico”.

Articolo pubblicato il 2.7.2015 su smartweek nella rubrica “una tazzina di caffè…”

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *