Inflazione – L’equivoco continua

L’inflazione, ahimè, continua ad essere intepretata in termini finanziari, più specificatamente monetari. Ma l’inflazione è prima di tutto il risultato del buon funzionamento dell’economia reale e del Sistema Paese.

Le imprese offrono al mercato, nazionale e internazionale, prodotti e servizi che possono essere (nella loro categoria):

  1. della più alta qualità (perciò possono essere venduti a un prezzo più alto della media)
  2. di qualità media o inferiore  (allora sono venduti a prezzi nella media o sotto la media).

Se in un certo territorio, non necessariamente un Paese, prevale il numero:

  1. delle imprese medie o mediocri, si manifesterà una declinate deflazione (prezzi medi in diminuzione) e impoverimento del sistema industriale e del sistema Paese (grafico in basso a sinistra)
  2. delle imprese di qualità, si manifesterà un’inflazione benefica (prezzi medi in aumento = inflazione = il grafico in basso a destra)

Distribuzione Impxprezzi

 

 

Come dice Mario Draghi, le maniploazioni monetarie non possono risolvere i problemi strutturali (dell’economia reale) dei paesi e delle regioni.

La questione si pone anche per le regioni italiane, per i distretti industriali e anche per la Grecia la cui economia reale non produce un sufficente GDP procapite e peraltro di qualità medio-bassa.

La finanza monetaria può forzare la mano ai prezzi medi, può manipolare i rapporti economici fra paesi  (svalutazioni), ma sono tutte manovre di breve termine e con effetti collaterali negativi; l’inflazione generata dalla finanza monetaria provoca l’erosione del risparmi, la svalutazione dei compensi sul lavoro, l’aumento dei prezzi al consumo, avvantaggia i grandi debitori, e penalizza i piccoli risparmiatori, avvantaggia chi sa crearsi riserve “grigie” in valute estere, e tutti gli altri fenomeni che frequentemente leggiamo sulla stampa.

L’inflazione industriale provoca invece l’aumento dei compensi e del benessere generale.

Strano vero che la stessa parola, cambiamendo l’aggettivo, descriva due fenomeni così contrari ?! Equivoco, coincidenza, asimmetria informativa?

Ci sono vari post in merito nel nostro sito e torneremo sul punto. 

 

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *