L’arbitro bancario.

Aumentano i ricorsi presentati all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) da parte di risparmiatori e clienti di banche ed intermediari finanziari, sempre più spesso assistiti da un legale: nei primi 4 m4si del 2015, nel 55% dei casi. Nel 2014, i ricorsi presentati sono stati 11.237, in aumento del 43% sul 2013, una crescita in parte legata a tematiche relative a cessioni del quinto delle stipendio e pensioni, seguite da carte di credito e debito, bancomat, prestiti: usura, interessi di mora, commissioni (come nel caso di istruttoria veloce); diversi casi relativi ad ipoteche, utlizzo fraudolento dei mezzi di pagamento. Il 52% dei ricorsi è contro banche (Barclays con 871 ricorsi, Unicredit 801, BNL 353), il 22% verso le Poste (che con 2.445 ricorsi “brilla” come primo soggetto cui sono stati rivolti rilievi), 23% verso intermediari finanziari ex art 107 e 106 TUB (Prestitalia 721 ricorsi, Fiditalia 260, Apulia Prontoprestito 199). Nella relazione annuale dell’ABF viene ricordato come l’assistenza legale sia legata sia a casi che diversamente non sarebbero stati portati all’attenzione dell’ABF, sia a casi complessi che ne hanno richiesto la presenza.

Parti deboli contro parti forti.

 

Pubblicato l’8.7.2015 su smartweek

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *