Piatto Ricco, mi ci Ficco

Dal 2007, l’Italia ha “regalato” oltre 300 milioni annui ad altri paesi UE per fare ricerca al posto del Belpaese: sui 41.500 milioni che la UE ha messo a gara negli ultimi 7 anni, l’Italia ha visto assegnati 3.457 milioni, l’8,3% del totale; per contro, l’Italia contribuisce al bilancio UE con il 13% delle risorse, che porta ad un saldo negativo di 2.000 milioni totali, nei 7 anni coperti dal VII programma-quadro UE. La Germania si è vista assegnare 6.960 milioni (il doppio dell’Italia), l’Inghilterra 5.900 milioni, la Francia 4.600 milioni, l’Olanda 3.100 milioni (il 7,5% dei progetti totali, a fronte di contributi del 3,3%). Il tasso di successo dei progetti presentati dall’Italia è il 18,3% (meno di 1 su 5), contro una media del 20,5%, e del 24,1% della Germania; l’Italia si posizione al 20° posto, su 27, nell’assegnazione dei fondi alla ricerca europea.

Nelle prime 50 università europee che si vedono assegnare fondi per la ricerca, vi sono 14 università inglesi e solo 2 italiane, al 35° posto (Politecnico Milano) e al 37° posto (Almamater Bologna); tra le top imprese, solo 4 italiane; tra le prime 25 PMI per numero di progetti non vi è una impresa PMI italiana. A sancire l’ecatombe, le parole della DG ricerca della Commissione UE: “L’Italia è in generale ritardo tra i paesi leader in termini di risorse complessive in grado di attrarre”. Sarà un bel paese, ma assai poco attraente.

Pubblichiamo a nome dell’autore. Da Smartweek.it. Clicca qui per la fonte

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *