Studenti e scolarità.

Questo articolo è apparso nella rubrica “una tazzina di caffè…” su www.smartweek.it in data 23.6.2015

Il MIUR indica in 8.875.176 gli studenti delle scuole italiane, dall’infanzia alle superiori, per l’88.8% in istituti statali (7.881.632) e per l’11.2% in istituti parificati (993.544); in aumento gli studenti di nazionalità straniera, oggi 739.468 (il 9,4% degli studenti delle scuole pubbliche).

I dati più interessanti sono quelli riferiti all’indirizzo delle scuole superiori (secondarie di II grado): quasi 1 studente su 2 frequenta il liceo (47,1%), con una prevalenza del liceo scientifico tradizionale (428.767 studenti, il 16,4% del totale degli studenti alle superiori); il liceo classico è frequentato dal 6,2% (162.379 studenti), superato da quello linguistico (189.278 studenti, il 7,2%); gli studenti degli istituti ad indirizzo tecnico economico (i vecchi ragionieri) sono 366.660, il 14% del totale, e quelli che frequentato gli istituti ad indirizzo tecnologico (i vecchi geometri) sono 466.175 (il 17,9% del totale); il 21% degli studenti frequentano, infine, istituti professionali.

La scuola italiana copre una spesa pari al 4,6% del PIL (inclusi investimenti a scuole ed università), contro il 6,1% della Francia, il 5,1% della Germania, il 6,4% del Regno Unito, ed una media UE del 5,8%; nelle superiori, la composizione media della classe è di 19 allievi in Italia, 16 in Francia, 12 in Germania, 20 in UK, con una media UE di 16 allievi; un dato interessante è quello della scolarità attesa, c.d. permanenza in fase di istruzione, che è di 16,8 anni in Italia, 16,4 anni in Francia, 18,2 anni in Germani, 16,4 anni in UK, con una media UE di 17,8 anni. Nella fascia 15-19 anni, l’81% dei giovani italiani va a scuola, contro l’84% in Francia, il 90% in Germania, il 78% in UK, l’87% a livello UE.

E guardando ai risultati, nella fascia di età fra 25 ed i 34 anni, il 72% degli italiani ha un diploma di istruzione superiore, contro l’83% dei francesi, l’87% dei tedeschi, il 64% degli inglesi, con una media UE dell’84%. Si sta sui banchi di scuola come gli altri studenti europei, in una scuola dove si investe meno che nel resto dell’Europa, ed i risultati sono che i possessori di un diploma sono meno di quanto dovrebbe.

Non si finisce mai di aver bisogno di studiare.

Questo articolo è apparso nella rubrica “una tazzina di caffè…” di Corrado Griffa su smartweek

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *